Nocciole e lamenti

nocciole
L’autunno è la stagione più bella che ci sia.
Ha i colori caldi, il clima temperato, i frutti saporiti e quest’anno conduce una papera in famiglia.
Pupa cammina. All’improvviso ha messo insieme uno, due, tre, quattro passetti soddisfatti di arrivare (interi e non ammaccati) dalla mamma o verso un gioco preferito.
Pupa parla, dice godendo papà, mamma (finalmente) e chiama le cose e i pupazzi per nome.
Pupa guarda e sfida.
Pupa sta tirando fuori il suo primo premolare e propiziamo con la danza del dente, nottate brave e tetta extra.
Pupa è entrata nei suoi 14 mesi in pompa magna

Signori ora però accomodatevi!
Io ci provo. Provo a sedermi e a tentare di sgranare questo calderone di sensazioni. Un minestrone amaro composto da sconfitta, dispiacere e incredulità a tocchetti. Prendete una delusione tutta intera e copritela con lo smarrimento. Cuocere a fuoco lento per tutta la mattinata e servire con un pizzico di confusione.

Questa minestra il risultato di una cosa brutta che una persona a me molto, ma molto cara mi ha detto. Questo spazio che state leggendo secondo tale persona è un ‘blog del lamento’.
Considero tale affermazione falsa oltre che un’autentica cattiveria.
Non sprizzerò felicità da tutti i pixel, non pubblico gattini e piedini cicciotti, non elogio il multitasking della mamma, non incollo frasi mielose e soprattutto non vi mostro i miei omogeneizzati da capolavoro.
Una critica così urticante mi ha fatto anche ripensare al perché scrivo e al perché voglio scrivere.
Ho aperto il blog perché volevo creare qualcosa di bello, con poche idee ma tenaci e per provare WordPress.
Ho aperto questo spazio perché essere mamma è un privilegio, un’avventura, una fatica, una crudele rivoluzione e uno stimolo sempre a superarsi, ma essere solounamamma non mi basta, quindi ciò che cerco di realizzare nasce dall’amore del segno e si augura di istoriare questa porzione di vita, di trovare nuovi occhi e avere la possibilità di leggermi a distanza.

Ho aperto questo spazio per orientare il mio essere mamma, per scoprire e comprendere l’essere papà. Questo spazio è un’opportunità.

Provo a sedermi per non cadere, mi metto in ascolto di cose nuove.
Non mi siedo per cercare ispirazioni, ma per inspirare.
Questo non è un blog dei lamenti, ma di vita tenace.

Lieve, grave, dolorante, soddisfatta e soprattutto sempre in ricerca.

Annunci

3 pensieri su “Nocciole e lamenti

  1. Marty ha detto:

    mi pare giusto! non siamo mica delle pesone perfette, come potremmo essere mamme perfettte, sempre sorridenti, brillanti e coccolose? mi chiedo se la persona che ha avanzato questa critica, poi, non si lamenti mai. Anche se non ha un blog, non credo sia la felicità in persona, no? 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...