Discipline

CollageFrutta
Nicchio, manco dal web, scrivo poco perché mi istorio, perché da un po’ di tempo a questa parte a quasi due anni di maternità ho bisogno di bilanci.
Bilanci di salute, bilanci di paura e bilanci di felicità.
Non dico poco affermando che voglio essere felice come la mia piccina di fronte alle ciliegie.

Se non fosse questa sirena fastidiosa e notturna che si inserisce tra le dita e la tastiera. Una sirena nella notte che supero senza legarmi ad alcun palo. Una sirena che mi fa pensare a questo disco dei Dead Can Dance che un tempo era luminoso ed ora stride, non è meno bello di come lo trovavo una manciata di anni fa, ma ha perso incanto e magia.
Dovrò riascoltarlo presto! Che combinano queste sirene!

In questa stessa notte la mia piccina suda e piange, vuole me che provo anche a calcolare le tasse.
Ed è in questa stessa notte che ho bisogno di rendere grazie a me stessa, al mio carico di amore, alla fatica e alla mia tenacia (nessuno lo ha fatto, lo faccio io) e anche a qualche ostacolo, pugnalata e tradimento che dir si voglia. Perché è necessario se si vuol essere felici rendere grazie anche a ciò che fa male, guardarlo negli occhi, provare a sorridere, farsi reciprocamente un bel pat pat e salutarsi come amanti d’estate. Per sempre.

Rendere grazie al Sig. Ostacolo comporta ammettere che ‘non è stato bello tra di noi’ ma siamo stati importanti l’uno per l’altra. Lui non si sarebbe sentito il Sig. Ostacolo (per servirla!).
E ciò che avevo davanti agli occhi e nel cuore non mi si sarebbe mai rivelato (ri-velato).
E voglio imparare a farmi ancora più bella, più verticale, voglio covare ancora più amore, voglio maturare come la frutta più succosa, creare queste meraviglie, essere in pace con il mio amato e con la mia piccina.
Belle intenzioni che non lastricano la strada di nessun inferno perché chiedono solo molta disciplina, o per restare in ambito musicale e amoroso Discipline.
Con un bel nodo celtico al fazzoletto della responsabilità.
Alla prossima!

Annunci

2 pensieri su “Discipline

  1. martina ha detto:

    Poche altre parole avebbero potuto accompagnare quella fetta scura dal cuore tenero e rosso.
    Dal bel mezzo della notte alle prime ore del mattino ti ringrazio e ti auguro una fantastica giornata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...