Un sabato qualunque

Sabato

Il sole! Oh miracolo! Da quanto tempo! Iniziavo a sentirmi parte di un remake di Destinazione Piovarolo.
Il sole è una grande invenzione! Asciuga, riscalda, avvia la fotosintesi e soprattutto invita ad una fuga in villa (è sabato e non c’è nido) che erano millanta e millanta che non prendevamo un po’ di aria fresca.

Il dondolo, lo scivolo – yuuuuuuuu – la pappa ai paperotti, l’arcobaleno, il corricorri, il caduta, il bacino dopo la bua piccola, il biccotto, il sseggino nooo, il zizzaaaa (davanti a tutti), le leccate alle inferriate arrugginite, il ciaociao ai fiorellini e tanto sudore. A mezza mattinata eravamo già ubriache di stanchezza.

Il sabato mattina la villa è il regno di strane creature.

– L’omino addetto alla pulizia mezzo calvo, ovvero glabro solo a metà, tipo Peter Hammil, ma sulla testa.

– I due nonni. Un signore distinto a fare coppia con un individuo con gli occhi sporgenti e molti dubbi sulla sua igiene personale. Insieme rivangano i bei tempi di una volta e svelano alla (povera) piccina che quando i cigni muoiono cantano in modo sublime.

– Il papà-con-sigaretta. Qualsiasi cosa succeda, non importa nemmeno il numero di figli, lui ha sempre la sigaretta in bocca o tra le dita. Sarà vestito di tutto punto e sarà anche capace di badare ai pargoli. Nel caso specifico il papà-con-sigaretta era con una bimbona prepotente di nostra conoscenza.

– Il papà stanchi e barbuti. Coloro che seppur reduci da una settimana di fuoco sono mandati – senza pietà – gentilmente dalle mogli a farsi un giro con bimbo. Sono stanchi e soprattutto vagano senza meta, rispondono a mugugni e fanno pena anche ai pupi che se ne stanno buoni buoni nei loro passeggini.

– I papà del sabato. Quelli separati, che osservano con luce speciale e malinconica la propria creatura.

– Anziani impomatati. Sono a braccetto con signore dell’est catapultate qui dagli anni ’80, oppure con loro simili disquisiscono sul senso del diabete, sulla grandezza della prostata e sulle stagioni matte.

– I filonari. I filonari sono di due tipi, ci sono i ragazzetti che pomiciano negli angoli e poi ci sono i ragazzetti in gruppo che pomiciano con i loro smartphone.

Poi ci siamo io e pupa.
Noi.
In questo sabato qualunque.

Non è poco.

Annunci

2 pensieri su “Un sabato qualunque

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...